ISOLMANT CON TOURING CLUB ITALIANO PREMIA I RISTORANTI CON IL MIGLIOR COMFORT ACUSTICO

Nuova partnership per promuovere la cultura del comfort acustico nei locali dedicati alla ristorazione.

Isolmant, azienda leader italiana nella produzione di materiali per l’isolamento e la correzione acustica, ha siglato un’importante partnership con il Touring Club Italiano, l’associazione no profit che si occupa da oltre cent’anni di turismo, cultura e ambiente.

La collaborazione si concretizzerà nell’assegnazione di due premi, uno per il Centro-Sud e uno per il Nord, ad altrettanti ristoranti inseriti nella guida Tci Alberghi & Ristoranti d’Italia 2019, che si siano particolarmente distinti per il comfort acustico del locale.

«Siamo veramente felici di avere nei nostri eventi un’azienda come Isolmant. Sono migliorate moltissimo negli ultimi anni le cucine intese come attrezzature e vivibilità, lo stesso non si può dire spesso della sala: arredi non funzionali, luci spesso sbagliate e in genere poca attenzione all’inquinamento acustico. Ecco, noi auspichiamo che i ristoranti siano sempre pieni, ma proprio per questo è importante che sappiano gestire queste problematiche per permettere alla clientela non solo un pasto corretto da un punto di vista gastronomico, ma anche un’esperienza piacevole, tranquilla e rilassante. Sempre di più una cena è un momento di relax, di benessere del corpo e della mente, e i prodotti per la correzione acustica di Isolmant, applicabili senza interventi strutturali, possono fare la differenza». Commenta così la nuova partnership Luigi Cremona, uno dei nomi più importanti della critica gastronomica italiana e curatore storico della guida Tci.

I due nuovi premi Isolmant “Miglior attenzione all’acustica in sala” si affiancheranno ai già consolidati riconoscimenti Olimpo dell’ospitalità e della ristorazione, Camere e Cucina d’Autore, Stanze Italiane e Buona Cucina, Altra Ospitalità e Altro Mangiare. Saranno consegnati durante le cerimonia in programma il 29 e 30 ottobre a Roma negli spazi di Officine Farneto, e il 19 novembre al Megawatt di Milano.

SCARICA QUI LE IMMAGINI AD ALTA RISOLUZIONE

Per Isolmant questa partnership significa in primis diffusione della cultura del comfort acustico, su un target come quello del TCI, che oggi conta su 280mila soci: per Eugenio Canni Ferrari, amministratore delegato di Tecnasfalti Isolmant, «Questa collaborazione con il Touring Club rappresenta per Isolmant un importante punto di arrivo ma anche un nuovo punto di partenza. Da sempre ci occupiamo della diffusione del concetto di benessere acustico, con grande attenzione non solo alle soluzioni per la nuova costruzione, ma anche alla necessità di intervenire su ambienti già esistenti e che vanno migliorati e adeguati. Pensando agli ambienti in cui passiamo la maggior parte del tempo, negli ultimi anni ci siamo concentrati anche sui luoghi di ricreazione e ristorazione, divenuti sempre più importanti nel nostro quotidiano. Risulta quindi naturale questa partnership con il Touring Club, perché il confort acustico nei ristoranti è riconosciuto oggi come una componente essenziale dell’ambiente stesso, tanto da diventare un criterio di scelta o un motivo di pesanti critiche negative laddove è insufficiente. Questo premio è l’inizio di un nuovo percorso di collaborazione con il mondo della ristorazione, per offrire soluzioni efficaci ed esteticamente accattivanti in grado di creare ambienti acusticamente confortevoli nei quali poter godere appieno l’esperienza culinaria».

L’IMPORTANZA DELL’ ACUSTICA NEI RISTORANTI

Gli italiani al ristorante escono in media 6 volte al mese, per stare con gli amici e rilassarsi. Il comfort è una delle priorità e per questo il 58% degli italiani si innervosisce per il rumore nel locale. Questi sono alcuni dati che emergono dalla ricerca di Doxa commissionata da Groupon in occasione dell’evento Chef Awards.

L’acustica è quindi un aspetto da non trascurare per assicurare il comfort che i clienti si aspettano all’interno dei locali pubblici e dei ristoranti. I dati emersi dall’indagine Doxa provano, infatti, che la corretta acustica di un esercizio pubblico aumenta il numero di clienti, favorendone la frequentazione, il comfort e la permanenza. Secondo il sondaggio concedersi un pasto fuori casa rappresenta per molte persone un’occasione per staccare la spina e vivere momenti piacevoli in famiglia e con gli amici.

La correzione acustica di un locale, come bar o ristoranti, va studiata in funzione non solo dall’ambiente e dello stile del locale ma anche del tipo di clientela. Grazie a Isolmant è possibile aumentare le prestazioni fonoassorbenti dei locali pubblici senza dover ricorrere a interventi di ristrutturazione invasiva. La gamma IsolSpace Style di Isolmant consente, infatti, di correggere acusticamente gli ambienti grazie a un pannello in fibra di poliestere brevettata ISOLFIBTEC STL a densità differenziata lungo lo spessore che offre un miglioramento in particolare delle frequenze medio alte come quelle della voce umana, studiato appositamente per ottenere performance eccellenti mantenendo un basso spessore e un peso contenuto.

I pannelli della gamma IsolSpace sono interamente realizzati in materiale riciclabile al 100% e proveniente per oltre il 70%, da materiale di riciclo post consumo. I pannelli IsolSpace sono totalmente atossici e anallergici; idrorepellenti e imputrescibili, non rilasciano polveri, e sono naturalmente inattaccabili da muffe, acari o batteri. Un aspetto molto importante trattandosi di prodotti inseriti in ambienti dedicati al servizio food&beverage.

IL TCI, UN INNOVATORE

Fondato l’8 novembre 1894 da un gruppo di 57 velocipedisti, con l’intento di diffondere i valori ideali e pratici del ciclismo e del viaggio, il Tci attira subito l’interesse della società italiana, raggiungendo i 16mila soci già nel 1899. Fin dall’inizio l’attività dell’Associazione è innovativa. Propone le prime piste ciclabili (1895), installa cassette di riparazione e pronto soccorso medico lungo le strade e si oppone alla tassa sui velocipedi, intuendo il valore del nuovo mezzo al fine della diffusione e dello sviluppo del turismo. Collabora nella stesura del primo Regolamento di Polizia Stradale e contribuisce all’abbellimento delle stazioni ferroviarie. Nel 1897 avvia la realizzazione e l’impianto di cartelli stradali turistici.

Con l’avvento del nuovo secolo e dell’automobile il Tci si apre a tutte le nuove forme di turismo e diventa istituzione di prestigio nazionale. Propone la scoperta e la rivalutazione delle regioni poco conosciute a livello turistico e si impegna nella valorizzazione dell’ambiente urbano e naturale (con i primi progetti di rimboschimento e regolazione delle acque montane nel 1909 e le proposte di istituzione dei parchi nazionali nel 1919).

Nel 1914 pubblica i primi volumi della Guida d’Italia, che diventerà familiarmente conosciuta come Guida Rossa per il colore della copertina; apre l’Ufficio cartografico e pubblica la Carta Turistica d’Italia in scala 1:250.000. Nello stesso anno il Tci inaugura a Milano una delle prime scuole alberghiere d’Italia. In quegli anni i Soci sono più di 100mila. Le guide turistiche hanno un’accoglienza trionfale: viene realizzata la prima Guida d’Italia per stranieri (1922), la prima Guida gastronomica d’Italia (1931) e la collana Guida dei monti d’Italia (1934). Nel 1932 il Tci diviene membro permanente della Consulta per la Tutela delle Belle Arti, commissione governativa di tutela dei beni culturali e ambientali. Nel 1937 il Tci raggiunge quota 477mila Soci.

Il Touring, che cambia successivamente nome in Touring Club Italiano, ha il merito di aver “inventato” il turismo e di aver fatto dell’Italia nei primi anni del ’900 un Paese reale, vicino e accessibile grazie alle prime cartografie, alle guide, alla segnaletica e alle riviste sul turismo. Una piccola associazione si trasforma poi, in poco tempo, in un grande strumento di italianità e di identità nazionale, capace non solo di accompagnare, ma anche di promuovere e favorire cambiamenti che hanno profondamente trasformato la storia del nostro Paese e la coscienza collettiva degli italiani.

Oggi il Touring Club Italiano ha superato un secolo di vita, oltre 100 anni di evoluzioni e innovazioni per seguire e, spesso, anticipare i tempi, ma anche di grande continuità con i valori fondanti. L’anima e la forza del Touring sono i suoi soci, oltre 280mila in tutta Italia.

Posted on 12 settembre 2018 in comunicati stampa, Isolmant

Share the Story

Back to Top